Intolleranze e allergie

Troppa confusione tra intolleranza e allergia!

Una netta distinzione tra le due condizioni!

Non confondiamo intolleranze e allergie

Troppo spesso si fa confusione tra intolleranza e allergia, due termini usati in modo erroneo e indiscriminato, talvolta addirittura come sinonimi.

Ebbene non lo sono! E anzi è necessario fare una netta distinzione tra le due condizioni.

Le intolleranze o food sensitivity sono condizioni su base infiammatoria scatenata dall’assunzione costante nel tempo degli stessi alimenti, o di alimenti facenti parte della medesima categoria alimentare.
La loro comparsa è ritardata nel tempo (per questo talvolta definite allergie ritardate) e sono dose dipendente. Questo significa che la singola esposizione a un alimento non scatenerà mai un’intolleranza, ma che la sua costante assunzione indurrà uno stato infiammatorio di basso grado che – raggiunto un valore soglia – scatenerà la sintomatologia.

Mediante un protocollo ciclico che garantisce una distribuzione omogenea degli alimenti, si riacquisirà tolleranza a un determinato alimento o a una categoria alimentare.

Al contrario, le allergie sono immediate e non dose dipendente.

Bastano la singola esposizione e una seconda esposizione, anche di irrisorie quantità, per rendere un soggetto sensibile a un allergene e per scatenare sintomi che, talvolta, possono essere anche molto gravi e richiedere un intervento medico tempestivo.
Le allergie immediate possono essere rilevate mediante test allergici atti a individuare la presenza di anticorpo IgE diretti contro uno specifico allergene o, più direttamente, a individuare la reazione mediante inoculazione di piccole quantità di allergene (prick test).

Il Deficit Enzimatico: incapacità o ridotta produzione di un enzima durante la digestione

Altra condizione che merita attenzione è il deficit enzimatico che si differenzia dalle intolleranze ed allergie.
Per deficit enzimatico si intende l’incapacità o la ridotta produzione di un enzima durante la digestione, deputato alla scissione di una particolare molecola.

Il suo accumulo nell’apparato digerente determina la conseguente comparsa di un’ampia gamma di sintomi come:

  • difficoltà digestiva
  • gonfiore
  • distensione
  • flatulenza, ecc.

Un esempio ben noto è il deficit dell’enzima Lattasi prodotta in modo insufficiente in alcuni soggetti. Il lattosio indigerito sarà il responsabile della sintomatologia connessa a tale condizione.

Patologie trattate

Come Biologo Nutrizionista mi occupo di diagnosi e cura delle patologie che compromettono la salute e rendono difficile il rapporto con l’alimentazione.

Disturbi funzionali

Sindrome del Colon Irritabile, Disfagia Funzionale, Dispepsia Funzionale, Diarrea Funzionale

Intolleranze e allergie

Due condizioni diverse da affrontare con la giusta diagnosi e un piano alimentare adatto

Celiachia

Una patologia auto-infiammatoria a carico dell’intestino la cui causa è l’assunzione di glutine

Gluten sensitivity

Sensibilità al Glutine non Celiaca con la comparsa di sintomi intestinali ed extraintestinali all’assunzione di glutine

    Scrivimi dal modulo contatti

    Il modo più semplice per risolvere un dubbio, è chiedere, indagare, andare a fondo. Contattami se hai domande o se vuoi richiedere una prima visita di valutazione.



    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi